Message in a bottle

Walking out this morning, I don’t believe what I saw
hundred billion bottles washed up on the shore
Seems I am not alone ah being alone
Hundred billion castaways, Looking for a home

The Police

Giorno 72. Chiquita Madame da quando è cominciata l’infausta pandemia che tutti costringe a casa ha attraversato varie fasi umorali.
Dall’euforia, all’anomia, dalla preoccupazione alla finale accettazione.
Insieme a Mr Doolie hanno strutturato check-list atte a scadenzare attività, provviste, ore di lavoro, videochiamate agli amici e ai parenti, unità alcoliche, rapporti sessuali e ore di televisione concesse.
Ci si allena un giorno sì e un giorno no. Se si salta un allenamento si recupera nel fine settimana. Il proposito ha retto i primi 50 giorni alla fine dei quali è scattata una generale entropia ginnica in cui ormai si recuperano pure 4 turni persi in un solo pomeriggio.
Con le provviste Chiquita Madame & Co. sono stati, al contrario, degni di una medaglia all’encomio dell’autosufficienza: una visita al supermercato ogni 24 giorni, una visita dal macellaio ogni 10 giorni, una visita dal fruttivendolo ogni venerdì. Non sono concesse deroghe nè cibi consegnati con Deliveroo o Just-Eat cui, entrambi, sono fermamente contrari.
Le ore di lavoro hanno raggiunto, nel caso di Chiquita Madame, anche picchi di 13 ore consecutive. Ad oggi e in fase calante, ci siamo assestati sulle 9 ore intervallate da varie attività di rimessaggio, preparazione dei pasti, coccole.
Le videochiamate sono concesse solo il sabato e la domenica. In particolare, ormai da 11 settimane il sabato pomeriggio si organizza un aperitivo con gli amici di giù cui riescono a collegarsi un numero mai inferiore agli 8 partecipanti.
Le unità alcoliche concesse sono di due bicchieri per Mr Doolie, uno per Chiquita Madame da consumarsi rigorosamente a cena nei giorni feriali. Nei we i bicchieri salgono a 3 per entrambi. La domenica si beve birra perchè si mangia la pizza.
I rapporti sessuali si consumano nei giorni pari e chi resta stupito della mancanza di spontaneità dettata dal calendario Chiquita Madame vi dice che, al contrario, sono concesse parecchi extra, tuttavia, sapere di avere un ‘appuntamento’ fisso rende l’affaire quasi più romantico.
La tv, rigorosamente in streaming, è concessa solo dopo le 18.

In tutto questo rigoroso hora et labora, Chiquita Madame è riuscita a organizzare un ‘fottutamente hipster’ orto in terrazza. Allo stato attuale si attende insalata, zucchine, peperoni, aglio, cipolle, ravanelli e fragole. Le zucchine stanno facendo le foglie gialle. Speriamo bene.

I

2 pensieri su “Message in a bottle

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...